Lo stress può influire sul dolore??

Stress e dolore

Lo stress ha un’influenza significativa sul dolore e comprendere questa connessione può essere essenziale per gestire il nostro benessere generale.

Quando stiamo vivendo una situazione stressante, sia esso dovuto alla pressione lavorativa, a problemi personali o ad altri fattori esterni, il nostro corpo risponde rilasciando ormoni dello stress come il cortisolo e adrenalina. Questi ormoni possono amplificare la percezione del dolore e aumentare la nostra sensibilità ad esso.

Inoltre, lo stress può anche portare a tensioni muscolari e infiammazioni, intensificando ulteriormente eventuali disagi già esistenti.

Tuttavia, l’adozione di un approccio cooperativo alla gestione dello stress ci consente di riconoscere il potere che abbiamo nel mitigarne gli effetti sul nostro dolore. Impegnandoci in tecniche di rilassamento, migliorare la consapevolezza e cercando il supporto di persone o professionisti che sappiano aiutarci a trovare delle soluzioni al problema, possiamo ridurre efficacemente i livelli di stress e successivamente alleviare l’impatto che ha sulla nostra esperienza di dolore.

Altre possibili terapie, oltre la fisioterapia, per gestire lo stress e il dolore è la mindfulness, una pratica che consiste nel prestare attenzione al momento presente, ai propri pensieri, emozioni e sensazioni fisiche, senza giudicarli o evitarli oppure la terapia cognitivo-comportamentale che è un tipo di psicoterapia che aiuta le persone a gestire il problema attraverso il cambiamento dei pensieri e dei comportamenti negativi.



Elenco post pubblicati

Homepage

Perché non sottovalutare un dolore dorsale

Perché non sottovalutare un dolore dorsale? Questo è un argomento importante da considerare.

Anche se potrebbe sembrare solo un fastidio temporaneo, un dolore alla schiena potrebbe in realtà indicare un problema più serio. Ignorarlo potrebbe portare a complicazioni a lungo termine e a una riduzione della qualità della vita. È fondamentale prestare attenzione a tale dolore e agire di conseguenza.

Il dolore dorsale è un disturbo molto comune che può avere diverse cause. Alcune delle cause più comuni sono:

  • Cattiva postura: stare seduti o in piedi in modo scorretto può causare tensione e infiammazione dei muscoli e delle articolazioni della schiena.
  • Sollevamento di pesi eccessivi: sollevare oggetti troppo pesanti o in modo sbagliato può provocare lesioni ai dischi intervertebrali, ai nervi o ai legamenti della colonna vertebrale.
  • Invecchiamento: con l’età, i dischi intervertebrali si assottigliano e perdono elasticità, rendendo la schiena più vulnerabile a traumi e usura.
  • Osteoartrosi: è una degenerazione delle cartilagini articolari che causa dolore, rigidità e limitazione dei movimenti.
  • Spondilite anchilosante: è una malattia infiammatoria cronica, più frequente nei maschi, che colpisce soprattutto le articolazioni sacro-iliache e la colonna vertebrale, causando dolore e rigidità.
  • Ernia del disco: anche se molto rara è una sporgenza di un disco intervertebrale che comprime i nervi spinali, provocando dolore, formicolio e debolezza agli arti inferiori o superiori.
  • Scoliosi: è una deviazione laterale della colonna vertebrale che può essere congenita, idiopatica o secondaria ad altre patologie. Può causare dolore, alterazione della postura e problemi respiratori.
  • Osteoporosi: che causa una perdita di calcio nelle ossa e, se non trattata, può portare a fratture spontanee in particolare alle vertebre dorsali.

Però è importante prestare attenzione ad alcuni segnali che potrebbero richiedere un’attenzione medica immediata.

Consultare un medico, eseguire gli esami necessari e seguire un appropriato percorso di cura possono aiutare a prevenire ulteriori danni e a ripristinare la salute della schiena. Non lasciare che un dolore dorsale apparentemente insignificante possa trasformarsi in un problema grave.

Se il dolore dorsale è accompagnato da:

febbre, perdita di peso involontaria, difficoltà a camminare o controllo delle urine compromesso, potrebbe essere un segnale di una condizione più grave. Altri segnali preoccupanti includono dolore insopportabile, dolore notturno persistente, intorpidimento o debolezza nelle gambe, e perdita di controllo della vescica o dell’intestino. In questi casi, è importante cercare l’opinione di un medico per una diagnosi e un trattamento appropriati.

Quando si tratta di affrontare un dolore alla schiena, è facile cadere in alcuni errori comuni che possono ritardare il processo di guarigione.

Spesso, le persone tendono a sottovalutare l’importanza del dolore o lo ignorano completamente, sperando che scompaia da solo. Tuttavia, una cosa importante da ricordare è che la schiena è un componente vitale del nostro corpo e la sua salute dovrebbe essere presa sul serio.

Un altro errore comune è cercare di sopprimere il dolore con farmaci o antidolorifici senza affrontare la causa profonda del problema. Questo può portare a una temporanea riduzione del dolore, ma non risolve la causa sottostante. Infine, spesso le persone cercano soluzioni rapide come terapie sperimentali o trattamenti fai-da-te senza prima consultare un professionista sanitario.

È importante evitare queste scorciatoie e cercare invece l’aiuto di un professionista qualificato che possa valutare il problema e fornire il trattamento adeguato.

Per prendere sul serio la nostra salute, dobbiamo imparare a ascoltare il nostro corpo, consultare esperti qualificati e adottare una combinazione di esercizi mirati, modifiche dello stile di vita e terapie appropriate.

Elenco post pubblicati

Homepage

L’ effetto placebo non è solo suggestione

Effetto placebo e suggestione

L’effetto placebo non è solo suggestione perché coinvolge meccanismi neurobiologici complessi che vanno oltre il semplice potere dell’aspettativa o della convinzione del paziente.

Per molto tempo abbiamo creduto che l’effetto placebo fosse dovuto alla suggestione, cioè alla semplice credenza che una terapia fosse efficace solo nella convinzione del paziente ma, con il contributo delle Neuroscienze, abbiamo capito che il miglioramento è dovuto a veri e propri cambiamenti biochimici.

Questo effetto può essere presente anche in fisioterapia ma non deve essere visto come negativo, anzi, deve essere capito e sfruttato sempre di più per avere un effetto positivo perchè può migliorare l’effetto delle terapie.

Le ricerche scientifiche hanno dimostrato che l’effetto placebo può attivare diverse regioni del cervello, come l’insula, l’ipotalamo, l’ippocampo e il sistema di ricompensa. Queste aree sono coinvolte nella modulazione del dolore, dell’ansia, dell’umore e delle risposte automatiche del corpo.

Alcuni studi hanno anche evidenziato l’effetto placebo tramite il rilascio di endorfine, sostanze chimiche naturali del cervello che agiscono come analgesici e possono ridurre il dolore. Inoltre, altri meccanismi biologici, come l’aumento della produzione di dopamina e l’attivazione del sistema immunitario, possono essere influenzati dall’effetto placebo.

L’effetto placebo può anche essere condizionato da fattori ambientali, come il contesto del trattamento, la qualità della relazione terapeutica e l’esperienza passata del paziente.

In definitiva, l’effetto placebo è un complesso fenomeno che coinvolge una combinazione di aspetti psicologici, neurobiologici e sociali. Non è semplicemente il risultato della suggestione del paziente, ma è influenzato da una serie di fattori che possono avere un impatto sulle risposte fisiologiche e psicologiche di una persona.

Torna all’elenco dei post

Homepage

Perchè è importante il tessuto connettivo

`
Il tessuto connettivo è una componente fondamentale del corpo umano, che svolge diverse funzioni strutturali, metaboliche e immunitarie. E’ presente in tutte le parti del corpo, tra cui i muscoli, le articolazioni, i tendini, i legamenti, i vasi sanguigni e i nervi.

Il tessuto connettivo è formato da cellule e da una matrice extracellulare, che contiene fibre di collagene ed elastina, proteine che conferiscono resistenza ed elasticità al tessuto.

Questa breve introduzione, un po’ tecnica, ci fà capire come il tessuto connettivo sia presente ovunque nel corpo e per questo viene considerato il nostro secondo scheletro.

E’ importante capire che non è sotto la nostra diretta volontà ma reagisce agli stimoli che riceve adattandosi alle varie situazioni.

Struttura tessuto connettivo
Struttura del muscolo e del tessuto connettivale

Esempi di sovraccarico possono essere dovuti a:

traumi, stress, infezioni, malattie autoimmuni o degenerative, carichi eccessivi o prolungati nel tempo.

Questo provoca un’ inspessimento e aumento di rigidità del tessuto connettivo, che nel primo periodo è di fatto una difesa per poter sostenere il lavoro richiesto ma nel tempo può diventare una delle cause dei nostri problemi.

Le contratture non sono solo delle contrazioni involontarie e persistenti dei muscoli ma l’effetto del coinvolgimento del tessuto connettivo che ingabbiando di fatto il muscolo lo rende anche più debole e non più in grado di sviluppare la sua forza.

Le rigidità sono delle limitazioni della flessibilità delle articolazioni, che impediscono di compiere normalmente le attività quotidiane.

Per prevenire e trattare le contratture e le rigidità muscolari o articolari, è importante mantenere il tessuto connettivo in buone condizioni, attraverso:

una corretta alimentazione, idratazione, attività fisica prevalentemente aerobica e riposo. La fisioterapia si rende necessaria se nonostante una corretta prevenzione non siamo in grado di gestire il problema. Alla prossima!

Torna all’elenco post

Homepage

Cosa sono i microtraumi?

Cosa sono i microtraumi

Cosa sono i microtraumi e come influenzano la nostra salute?

I microtraumi creano delle piccolissime lesioni nelle articolazione, muscoli o legamenti che, se sono occasionali, non creano particolari problemi, ma se vengono subiti per diversi mesi o peggio anni possono essere la causa di lesioni croniche in questi tessuti.

Come in moltissimi problemi che vediamo quotidianamente questo evento avviene nella maggior parte dei casi in modo indolore così che la persona difficilmente si rende conto di tutto questo fino ad un certo punto nel quale il nostro fisico non riesce più a gestire questa situazione e iniziano i dolori.

Possono essere causati in quasi tutte le attività quotidiane: dai lavori di casa, al nostro lavoro oppure nelle attività sportive . Queste lesioni se non vengono trattate possono provocare infiammazione, dolore, rigidità, contratture e alterazioni della funzione dei tessuti coinvolti.

I microtraumi possono colpire qualsiasi parte del corpo, ma sono più frequenti nella colonna vertebrale e le articolazioni periferiche.

Alcuni esempi di microtraumi sono:

– La sindrome del tunnel carpale, causata da una compressione del nervo mediano al polso a seguito di movimenti ripetitivi della mano e del polso (ad esempio digitare al computer, usare il mouse, suonare uno strumento musicale).
Dolore cervicale, causata da una tensione cronica dei muscoli del collo e delle spalle a causa di posture scorrette (ad esempio tenere il telefono tra l’orecchio e la spalla, guardare lo schermo del computer troppo in alto o in basso, dormire su un cuscino troppo alto o basso, carichi eccessivi sulle braccia). Da non sottovalutare la possibilità che, oltre ai sintomi cervicali, si può aggiungere anche la fastidiosa vertigine sempre dovuta a interessamento delle prime vertebre cervicali.
Dolore lombare, causata da una sovraccarico dei dischi intervertebrali e dei legamenti della zona lombare a causa di sollevamento di pesi eccessivi, sedentarietà, obesità, gravidanza.
Tendinite, causata da una infiammazione dei tendini a causa di movimenti ripetitivi o eccessivi delle articolazioni (ad esempio correre, saltare, sollevamento di pesi eccessivi).

I microtraumi possono essere prevenuti o curati con alcune misure:

– Mantenere una buona postura in ogni situazione (seduti, in piedi, sdraiati)
– Fare esercizio fisico regolare e adeguato al proprio livello di forma fisica
– Alternare i periodi di attività con quelli di riposo
– Evitare movimenti bruschi o forzati
– Usare attrezzature ergonomiche (sedia, scrivania, tastiera, mouse)
– Fare stretching prima e dopo l’attività fisica
– Bere molta acqua per idratare i tessuti
– Seguire una dieta equilibrata e ricca di antiossidanti
– Ridurre lo stress e le tensioni emotive.

Se i sintomi persistono o peggiorano, è consigliabile consultare un medico che può valutare la situazione e proporre il trattamento più adatto.

Il trattamento può consistere in:

Terapia manuale: (massaggi, manipolazioni, mobilizzazioni)

Osteopatia: (tecniche fasciali, manipolazioni)

Terapia fisica: (calore, freddo, ultrasuoni, laser, elettrostimolazione)

Esercizi terapeutici: (rinforzo muscolare, allungamento, rieducazione posturale)

Nei casì più difficili e solo su indicazione medica:
– Farmaci antinfiammatori o antidolorifici
– Infiltrazioni o iniezioni locali

I microtraumi sono un fenomeno molto comune che può compromettere la qualità della vita se non viengono affrontati in tempo. Molto spesso la comparsa dei sintomi fisici in un paziente è solo il risultato di molti microtraumi subiti nel tempo. Per questo è importante prestare attenzione ai segnali che il nostro corpo ci invia e intervenire prima che sia troppo tardi. Alla prossima!

Torna all’elenco post

Homepage

Call Now Button